Rosa e Luna Cantina Dorgali Nuoro

14,90

Vino Rosato/Vino Spumante brut. Annata 2023 75cl. 12.5%vol.

6 disponibili

COD: 204 Categorie: ,

Descrizione

Spumante fine e delicato; rosato ed elegante come una rosa.

Zona di Produzione: Vigne di Isalle.

Altitudine: 200 mt s.l.m.

Varietà: Uve autoctone

Resa per ettaro: 70 q.li

Forma di allevamento: Cordone speronato

Lavorazione: Conferimento in casette con pressatura e fermentazione a temperatura controllata con permanenza di un mese sulle fecce. Segue rifermentazione in autoclave con metodo Charmat.

Affinamento: 2 mesi sulle fecce in autoclave e 5 mesi in bottiglia.

Degustazione: Si concede alla vista con una bellissima e persistente corona di spuma spessa e compatta e con un perlage fine e continuo; il colore, rosa tenue brillante, richiama la tonalità della gemma rosa di Francia.

Profumo: Al naso, regala note cipriate, sentori di crosta calda di pane e note leggere di piccoli frutti rossi dai toni eleganti e delicati.

Sapore: L’impatto gustavo è secco, fresco, ricco di sapidità e di piacevolissima salinità. Queste caratteristiche, che ben si fondono con la conferma gusto-olfattiva, fanno di Rosa e Luna uno spumante di qualità fine ed elegante.

Abbinamento e Servizio: Un vino spumante da aperitivo e da tuo pasto con esclusione del dessert. Si consiglia di accostarlo a crudità di pesci, fantasia di frutti di mare crudi o cotti.

Servire a 8 gradi C.

Informazioni aggiuntive

Peso 1,500 kg

Brand

Cantina Dorgali

Nel lontano 1953, nella costa orientale della Sardegna, un gruppo di agricoltori dorgalesi fonda Cantina Dorgali; grazie ad una costante crescita, è da oltre mezzo secolo una tra le realtà più importanti del mondo vitivinicolo sardo. Oggi la Cantina Dorgali affronta una nuova sfida: la realizzazione di un nuovo progetto che riqualifichi le produzioni passando per la valorizzazione della cultura, della storia e delle tradizioni del territorio. Protagonista assoluto è il Cannonau, vitigno principe della vitivinicoltura regionale che in questa area, per le sue peculiarità pedo-climatiche riesce ad esprimere caratteri varietali finora poco conosciuti e non ancora completamente valorizzati. I cambiamenti migliorativi iniziano dalla vigna, attraverso una diversa cultura e coltura delle produzioni, puntando sulle basse rese per ceppo e programmando tutte le lavorazioni fino alla vendemmia. In cantina poi, le tecnologie non sono sofisticate, ma adeguate all'esigenza di esaltare le caratteristiche varietali del cannonau e degli altri vitigni autoctoni presenti nel territorio. Grazie a questa nuova filosofia il territorio si riappropria della sua vera identità, ritenuta la base per la crescita e la valorizzazione di tutti i vini prodotti.