Akènta Extra Dry Rosé Cantina S.M. La Palma Alghero

12,90

Vino Rosé /Spumante. Annata 2022 75cl.11,5% vol.

6 disponibili

COD: 36 Categorie: , ,

Descrizione

Profilo Vino: L’Akènta Rosé unisce l’eccellenza dell’Akènta con il fascino e la storia di un vitigno unico: il Cagnulari, coltivato sulle Arenarie delle campagne che circondano Alghero, nell’omonima località “Arenosu”, nel Nord-Ovest della provincia di Sassari. Da questi grappoli, ha origine il primo spumante al mondo prodotto da uve di Cagnulari, con dei risultati eccezionali. Un’attenta selezione di uve, sapientemente raccolte a mano, pressate dopo 6 ore di contatto tra bucce e succo. Spumantizzate in autoclave a bassa temperatura (metodo Charmat) e successivamente affinate 6 mesi sur lie. Attraverso questo procedimento i lieviti esaltano gli aromi fruttati e delicatamente speziati, permettendo la formazione di un fine e persistente perlage.

Nota di Degustazione: Il Colore è rosa brillante con riflessi ramati. Il perlage è fine e persistente. Il profumo è complesso, fruttato con note speziate varietali. Crosta di pane e cipria sul finale. Il sapore è fruttato, fresco e minerale.

Abbinamenti: Ottimo come aperitivo e ideale per accompagnare tutti i primi piatti a base di pesce, frutti di mare, crostacei e piatti di terra delicati.

Temperatura di servizio: 8° C – 10° C.

Varietà: Cagnulari 100%

Denominazione: Cagnulari IGT

Informazioni aggiuntive

Peso 1,500 kg

Brand

Cantina Santa Maria La Palma

La storia della Cantina parte da molto lontano, quando il tempo era scandito dal susseguirsi delle stagioni, e i contadini dell’agro algherese non avevano altro che la terra e il loro ingegno. È una storia che racconta della capacità di sapersi fidare l’uno dell’altro, racconta della volontà di costruire qualcosa di grande, senza mai dimenticare quanta bellezza e quanto valore si nascondano in ciò che ci circonda: pianure sconfinate affacciate sul mare, a ridosso di un’insenatura tra il Golfo di Alghero e la Baia di Porto Conte. Terre fortunate, accarezzate dal vento e scaldate dal sole. È una storia che racconta i preziosi insegnamenti della fatica e del lavoro quotidiano. Questa storia parte da molto lontano e arriva fino ad oggi. Tutto inizia nel 1946, nei terreni della Nurra, bonificati e consegnati ai contadini in seguito alla Riforma Agraria che interessa la Sardegna nell’immediato dopo guerra. Mani esperte e coraggiose, in grado di cogliere l’anima di un territorio che sembra essere fatto per il vino. È così che cento di loro decidono di diventare Soci e, insieme, fondare la Cantina Santa Maria la Palma. È il 1959. Oggi, passato e futuro si incontrano, vivendo naturalmente l’uno nell’altro, in ogni nuova tecnologia e in ogni progetto portato avanti dalla Cantina, figli di una tradizione che da sempre unisce innovazione e amore per la propria terra. I 700 ettari di terreno, messi a frutto per dare vita alle diverse e profonde sfumature del Vino Sardo, con la stessa passione e la stessa dedizione al lavoro di allora, e con le migliori tecnologie di oggi. La ricerca della qualità è il filo rosso di questa storia: selezionare metodi e tecniche per ottenere i migliori grappoli, valorizzare al meglio la nostra terra, proteggerla, per essere ogni giorno all’altezza dei nostri clienti, all’altezza di chi ha iniziato il cammino della Cantina e di chi lo porterà avanti.